Pet Content Marketing

“L’amore per gli animali è la chiave di tutto”

Cosa significa Pet Content Marketing?

Il Pet Content Marketing può essere definito come l’arte di produrre e condividere contenuti di valore che rispondano alle esigenze, interessi o problemi dei Pet Parents, con lo scopo di acquisire nuovi clienti e mantenere quelli esistenti.

Nel caso specifico del settore pet, un genitore di cane o gatto deve saper fare un sacco di cose che non gli insegna proprio nessuno. Pensiamo alla nutrizione, alla prevenzione, al comportamento, alla scelta degli accessori, all’igiene dell’animale e della casa in cui vive, alla gestione delle emergenze, solo per citare alcune delle tematiche più evidenti.

Fornire informazioni utili e credibili sulla salute del cane, in modo utile ed etico, rappresenta la migliore strategia di relazione con i “pet parents”, il modo migliore di attrarli, conoscerli, profilarli, interagire con loro, sino ad offire prodotti e servizi, accompagnarli gradualmente all’acquisto e costruire una relazione che duri nel tempo e non al contrario “mordi e fuggi”.

Quali sono i 5 benefici del Pet Content Marketing?

Le aziende che hanno avuto la capacità di creare contenuti a valore aggiunto per i propri clienti e prospect, hanno ottenuto benefici tangibili che sarebbero stati difficilmente raggiungibili, per non dire impossibili,  attraverso la pubblicità tradizionale, quali:

  1. Maggiore capacità di generare nuovi contatti e opportunità di vendita;
  2. Migliore profilazione dei prospect in funzione del loro comportamento e dei feedback sui contenuti;
  3. Maggiore capacità di convertire i contatti in clienti, trattenerli e fidelizzarli;
  4. Elevata reputazione del brand abbinata alla capacità di influenzare le decisioni di acquisto;
  5. Qualità del traffico sviluppato a livello web e social, con miglior posizionamento rispetto ai concorrenti.

Un caso di Pet Content Marketing di successo

Un esempio di Content Marketing vincente, per parlare di aziende dal “dna animale” e dai “numeri animali” è  Red Bull, un’azienda che in soli 20 anni ha venduto 62 miliardi circa di lattine di un prodotto costoso, il cui gusto non piaceva a nessuno, con budget pubblicitario limitato e con due concorrenti “giganti” come Coca-Cola e Pepsi. Red Bull ha costruito il suo successo sui contenuti, sul “content marketing estremo” portando i clienti al prodotto (e non viceversa), associando il brand ad imprese “epiche” che ispirano. Red Bull TV è oggi uno degli esempi più avvincenti di contenuti “che ingaggiano”, contenuti prodotti “dal basso” dai suoi stessi consumatori. Incredibile vero? Un canale molto conosciuto e amato dai giovani, che guida il pubblico fin dietro le quinte per rivelare le storie di vita reale di persone di successo capaci di ispirare per la loro passione ed emozione anche nell’affrontare le sfide più difficili della vita. E’ proprio così che  Red Bull “ha messo le ali” al suo brand. E la tua azienda cosa sta facendo per ispirare il mondo del Pet?

Cosa deve fare la tua azienda per cogliere i benefici della Pet Content Marketing

La prima regola del PET MARKETING è quella divendere senza vendere”, ovvero creare relazione attraverso la generazione di contenuti (o se preferisci CANtenuti) di reale valore ed utilità, che rispondano alle esigenze, agli interessi, alle passioni, ai problemi dei pet parents. La tua azienda deve “trasformarsi” in una sorta di redazione, sviluppare un piano editoriale con obiettivi ben precisi, definire il calendario di pubblicazione, scegliere i canali di comunicazione, individuare con estrema precisione il profilo dei lettori per cui scrive, stimolare la conversazione, utilizzare web e social per ascoltare e raccogliere feedback. In altre parole si tratta mettere in campo i fondamenti dell’Inbound Marketing attraverso strumenti di Marketing Automation di cui i contenuti rappresentano la linfa vitale.

Pin It on Pinterest

Share This